Chernobyl: 36 anni dopo

500

Continuiamo con la nostra tradizione di celebrare l’anniversario di Chernobyl ogni anno. Ecco i dettagli per il viaggio evento di aprile 2022.

Descrizione

25 Aprile 2022

Una serata per socializzare, documentari, istruzione, e soprattutto per ricordare.

Unisciti a noi al Kyiv Social Club, riservato esclusivamente a noi per passare la serata In compagnia di fotografi, Guide esperte della Zona di Chernobyl, Ricercatori e molte altre figure di spicco Che daranno il proprio contributo per ricordare insieme i 36 anni passati dall incidente.

Si potrà usufruire di cucina e bar, ed ogni dettaglio sarà meticolosamente curato.

Di seguito, troverete la programmazione della serata.

18:00: HBO Chernobyl – 1:23:45

Sabato 26 aprile 1986, Repubblica Socialista Sovietica dell’Ucraina. L’una e venti-tre minuti e 45 secondi del mattino: durante un test, il reattore numero 4 della centrale nucleare ucraina di Chernobyl esplode, sparando in aria una quantità incredibile di materiale radioattivo. Dalla sua abitazione a Pripyat, il vigile del fuoco Vasily Ignatenko (Adam Nagaitis) si mobilita per domare l’incendio a Chernobyl. Sua moglie Lyudmilla (Jessie Buckley), al settimo mese di gravidanza, guardata assiste allo spettacolo inquietante della centrale esplosa assieme ad altri residenti di Pripyat da quello che fu poi ribattezzato il Ponte della Morte. Il vicecapo della centrale di Chernobyl Anatoly Dyatlov (Paul Ritter), assieme al direttore della centrale Bryukhanov (Con O’Neill) e al capo ingegnere Fomin (Adrian Rawlins) cercano di minimizzare l’evento di fronte al comitato esecutivo di Pripyat. Ma il disastro ha una portata che nessuno è in grado di concepire.

18:55: HBO Chernobyl – Please Remain Calm

In uno scenario apocalittico, con milioni di persone in pericolo, Ulana Khomyuk (Emily Watson), una fisica nucleare di Minsk, tenta di raggiungere Valery Legasov (Jared Harris), a capo dell’Istituto Kurchatov, per metterlo al corrente del rischio di una seconda esplosione. A Mosca, Legasov ha dovuto convincere Mikhail Gorbachev (David Dencik) della gravità della situazione. Quest’ultimo lo manderà a Chernobyl insieme a Boris Shcherbina (Stellan Skarsgård), il vice Primo ministro che fu a capo della commissione d’inchiesta sul disastro di Chernobyl. Lo scetticismo di Shcherbina circa le disperate condizioni in cui versa la zona della centrale sembra difficile da abbattere. Ma l’avvertimento di Khomyuk sul rischio di un’altra catastrofe lo convincerà che è necessario agire immediatamente per drenare l’acqua radioattiva nei corridoi del seminterrato della centrale.

19:55: Archivio di giornali e report dell’epoca (Parte I)

Questa raccolta di notizie d’archivio del 1986 inizia dal 28 aprile quando l’Occidente ha appreso per la prima volta che c’era una sorta di problema. Ritraggono perfettamente la mancanza di informazioni, la mancanza di comprensione e la diffusa preoccupazione che c’era sia per Chernobyl che per l’Unione Sovietica in generale.

20:15: HBO Chernobyl – Wide Open, O Earth

30 Aprile 1986 Valery Legasov (Jared Harris) elabora un piano per la decontaminazione di Chernobyl con l’aiuto di Boris Shcherbina (Stellan Skarsgård). I due riferiscono al Comitato Esecutivo Centrale della necessità di mobilitare un ingente numero di liquidatori che giocheranno un ruolo fondamentale nella decontaminazione della zona. Intanto l’incubo delle radiazioni incombe su Lyudmilla (Jessie Buckley), che ignora colpevolmente i segnali di allarme. Nonostante sia incinta, in Lyudmilla è troppo forte il desiderio di restare accanto al marito Vasily (Adam Nagaitis) nei suoi ultimi giorni di vita all’ospedale di Mosca. Legasov ha inviato Ulana Khomyuk (Emily Watson) in un ospedale di Mosca, dove sono ricoverati Dyatlov (Paul Ritter), Toptunov (Robert Emms) e Akimov (Sam Troughton), i tre ingegneri in servizio a Chernobyl la notte del 26 aprile. La sua missione è quella di ricostruire gli eventi che hanno portato all’esplosione del reattore numero quattro.

21:10: Archivio di giornali e report dell’epoca (Parte II)

Finalmente l’Unione Sovietica ammette che le persone stanno morendo di Sindrome da Radiazioni Acuta.

21:15: 60 Minutes Australia- Chernobyl tre mesi dopo il disastro

Nel 1986, Jeff McMullen venne inviato come reporter a Chernobyl tre mesi dopo il disastro della centrale nucleare e documentò come il popolo sovietico stesse vivendo le conseguenze del peggior disastro nucleare del mondo.

21:30: HBO Chernobyl – The Happiness of All Mankind

Valery e Boris cercano disperatamente una soluzione per liberarsi dei detriti radioattivi mentre il KGB osserva attentamente le loro mosse per assicurarsi che i fatti che emergeranno dalla loro inchiesta non rappresentino un problema per il partito. Nel frattempo Khomyuk vuole scoprire la vera causa dell’esplosione recandosi fino agli archivi di Mosca. Sarà grazie all’aiuto di Dyatlov che Khomyuk si renderà conto che il governo non ha alcuna intenzione di disseppellire la verità sull’esplosione di Chernobyl. Questa consapevolezza arriva nel momento in cui Shcherbina e Legasov le comunicano che saranno chiamati a testimoniare in quanto esperti nel processo a carico di Djatlov, Bryukhanov (Con O’Neill) e Fomin (Adrian Rawlins). Più indagano e più risulta chiaro che la responsabilità del disastro non può essere imputata soltanto a loro tre. Legasov ha di fronte a sé un dilemma: rivelare quanto è avvenuto a Chernobyl durante la riunione dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica, o tacerla per non incorrere nelle rappresaglie del governo. Una tragica notizia su Lyudmilla giungerà a Legasov tramite Khomyuk.

22:30: A Chernobyl Liquidators Story

Quando la centrale nucleare di Chernobyl esplose nel 1986, Viktor Ivkin si trovava a pochi metri dalla sala di controllo principale. Ha subito gravi ustioni da radiazioni, ma è sopravvissuto e in seguito è tornato a lavorare come “liquidatore”, incaricato di ripulire dopo il disastro. Incontriamo Viktor mentre torna alla sala di controllo dove è successo tutto 30 anni dopo per parlare di quella notte, dei suoi pensieri sullo spettacolo HBO che lo descriveva e di ciò che vuole che le persone sappiano sulla difficile situazione dei liquidatori.

22:40: Inside Chernobyl with Ben Fogle

Speciale lungometraggio in cui seguiremo Ben Fogle in un viaggio all’interno della zona di esclusione di Chernobyl, trentacinque anni dopo il peggior incidente nucleare del mondo. Ben entra nella Control Room 4 e nel New Safe Confinement, prima di unirsi alla polizia locale in un raid alla ricerca di “stalker” – un gruppo che entra illegalmente nella zona in cerca di emozioni – e incontra gli incredibili Self Settlers che sono tornati a vivere a Chernobyl dopo l’evacuazione.

23:45: 1988 Pripyat and Chernobyl clean up documentary

Questo è un estratto di 18 minuti su Chernobyl tratto da un documentario chiamato “Mēs / Soviets”. È stato girato dal 1987 al 1989 e diretto e prodotto da un regista lettone Juris Podnieks. Il programma segue i liquidatori e incontra i coloni che erano già tornati alle loro case.

00:05: The Story of Chernobyl’s New Safe Confinement

La European Bank for Reconstruction and Development ha finanziato gran parte del New Safe Confinement, ed ha realizzato questo video per celebrare il completamento del processo di messa in servizio finale il giorno prima del 33° anniversario del disastro. L’NSC è un miracolo dell’ingegneria moderna che racchiude il reattore danneggiato della centrale nucleare. Il video presenta nuovi filmati drammatici dall’interno della sala della turbina del reattore e l’operazione per far scorrere il New Safe Confinement in posizione.

00:30: HBO Chernobyl – Vichnaya Pamyat

Valery Legasov (Jared Harris), Boris Shcherbina (Stellan Skarsgård) e Ulana Khomyuk (Emily Watson) sono pronti a rischiare la vita per abbattere il muro di omertà e disinformazione che impedisce di sapere la verità sulla sciagura di Chernobyl. A seguito della testimonianza che Legasov ha offerto durante la riunione dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica tenutasi a Vienna, il professore assieme a Shcherbina e Khomyuk si appresta a prendere parte al processo a Djatlov, Bryukhanov (Con O’Neill) e Fomin (Adrian Rawlins), additati dal partito come i responsabili del disastro nucleare, che si terrà a Chernobyl. Khomyuk e Legasov porteranno all’attenzione i risultati delle loro indagini, tra interviste e ricerche che i due hanno condotto personalmente nel corso degli anni. Quello che ne emerge riecheggia un evento simile a quello di Chernobyl accaduto nel 1975 a Leningrado e taciuto dal governo.

Sarà Legasov a pagare a più caro prezzo il costo della verità, a causa di una serie di ripercussioni ordite dal KGB che lo condussero alla scena di apertura nel primo episodio, quella del suicidio del professore avvenuto il 26 aprile 1988, a due anni esatti dall’esplosione del reattore numero quattro.

26 Aprile 2022

KYIV ELECTRIC SCOOTER TOUR

– Tour di 10km della città di Kiev con scooter elettrici di ultima generazione.

Il tour inizia al bike rent lungo la nuova pista ciclabile, fino a Maidan / Independence Square. Tappa per scoprire gli eventi storici di questo sito pregno di storia. Tempo a disposizione per scattare foto al Monumento all’Indipendenza, all”’Hotel Ucraina” e all’Accademia Nazionale di Musica di Tchaikovsky.

Proseguiremo verso il monastero di San Michele, una delle chiese più belle di Kiev, dalle pareti celesti e cupola dorata. Da qui, si può vedere l’alto campanile della cattedrale di Santa Sofia, una delle più antiche cattedrali dei tempi antichi di Kiev Rus, nominata patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

Saliremo poi in cima alla collina di Sant’Andrea. Dove si può ammirare la maestosa chiesa di Sant’Andrea, l’unica chiesa in Ucraina senza campane. Questa graziosa strada di ciottoli conduce al quartiere culturale e alla moda di Podil ed è fiancheggiata da graziosi caffè, dove si possono trovare anche venditori ambulanti e artisti. E’ d’obbligo fare una piccola deviazione per ammirare alcune splendide vedute sul distretto di Vozdvyzhenka. Questo quartiere di design è stato completato proprio quando il mercato immobiliare è crollato, quindi la maggior parte degli edifici è rimasta vuota per diversi anni. Ora questi vengono lentamente occupati da negozi, caffè e ristoranti.

Dalla collina di Sant’Andrea si può godere di una delle migliori viste sul fiume Dnipro, dall’apposita piattaforma di osservazione. Seguiamo quindi il percorso pedonale e ciclabile recentemente rinnovato costeggiando la funicolare fino all’”Arco dell’Amicizia del Popolo”. Ci fermeremo per percorrere le passerelle di vetro del nuovissimo ponte di Klitschko, (se ne avrete il coraggio), e godere di altre splendide vedute sul fiume e sullo skyline della città. Qui, si può osservare una splendida vista su entrambe le rive del fiume Dnipro, a destra – con lo storico Podil – e la riva sinistra, con i quartieri notturni circondati da alberi secolari e parchi tranquilli.
Proseguendo attraverso i parchi cittadini, si costeggia il Palazzo Mariyinski, la residenza ufficiale del presidente ucraino. Questa tappa offre delle viedute fantastiche e, un giro romantico sul “Ponte degli Innamorati”, dove al suo termine si può trovare un’antica e bellissima fontana nascosta tra la vegetazione lussureggiante del parco.

Questa strada ci porta nell’esclusiva via dello shopping di Kreshatyc. Questa strada ampia ma corta fu in gran parte distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale e ricostruita in stile neoclassico sovietico. Nei Weekend questa strada è chiusa al traffico, ma non nei giorni infrasettimanali. Utilizzeremo i larghi marciapiedi per proseguire il nostro tour.
Questo percorso termina al famoso Parco Taras Schevchenko, al fiume Podil e al ponte pedonale dell’isola di Trukhaniv.
Ci spingeremo poco oltre il confine cittadino, dove si trova il cartello della città di Kiev ed al municipio per alcuni selfie finali.

27 Aprile 2022

La giornata inizerà molto presto, in quanto ci dirigeremo verso l’Area di Alienazione. Incontro davanti all’hotel alle 7:30, se il gruppo lo desidera si farà colazione in un’area di servizio lungo la strada. – Incontro davanti all’hotel alle 7:30, se il gruppo lo desidera si farà colazione in un’area di servizio lungo la strada.

– Arrivati nella Zona, visiteremo il Duga e l’area circostante di Chernobyl – 2 (scuola di guida, centro di controllo, ospedale e scuola). – Pranzo al Cafè Desiatka. – Fabbrica Jupiter ed altri luoghi di interesse.

28 Aprile 2022

Intera giornata a Pryp’jat

29 Aprile 2022

Oggi visiteremo dei villaggi più remoti, prima di passare il Paryshiv Checkpoint

30 Aprile 2022

Durante il nostro ultimo giorno nella zona vedremo altre cose interessanti a Pripyat e nei villaggi limitrofi. In alternativa, si può visitare il ChNPP incluse la Control Room 3 e la Control Room 4. Nel pomeriggio abbiamo tempo per vedere qualche altra località prima di tornare a Kyiv.